giovedì 23 aprile 2020

STORIA UNIVERSALE GIANNI RODARI



Ricordate questa poesia?

L’abbiamo letta l’anno scorso  in classe …
Rodari l’ha scritta tanto tempo fa e …
ancora oggi dobbiamo darci da fare …

Ce la possiamo fare. Forza e coraggio!

Storia Universale
In principio la Terra era tutta sbagliata,
renderla più abitabile fu una bella faticata.
Per passare i fiumi non c’erano ponti.
Non c’erano sentieri per salire sui monti.

Ti volevi sedere?
Neanche l’ombra di un panchetto.
Cascavi dal sonno?
Non esisteva il letto.

Per non pungersi i piedi, né scarpe né stivali.
Se ci vedevi poco non trovavi gli occhiali.
Per fare una partita non c’erano palloni:
mancava la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni.

Anzi a guardare bene mancava anche la pasta.
Non c’era nulla di niente.
Zero via zero, e basta.

C’erano solo gli uomini, con due braccia per lavorare
e agli errori più grossi si poté rimediare.
Da correggere, però, ne restano ancora tanti:
rimboccatevi le maniche, c’è lavoro per tutti quanti.
Gianni Rodari

Nessun commento:

Posta un commento